Parlare della Libertas Orvieto a 50 anni dalla sua fondazione non è cosa semplice, si rischia di tralasciare qualcosa anche di importante, vista la grande attività profusa negli anni sempre improntata alla divulgazione del sano sport diretto alla formazione dei giovani. La società si è impegnata in varie attività e discipline: Atletica Leggera, Pallavolo, Nuoto, Pattinaggio, Calcio (con  il compianto maestro Fratini che creò una sezione giovanile), calcio a 5 con  società “La Rupe” e ultima con il tiro con l’arco con Giuseppe Menichetti.
Tutto iniziò nel lontano 1964 con il Sig. Filippo Murolo,  impiegato della ex Gioventù Italiana, presso la nuova palestra sita presso San Giovenale, aprendo dei Centri Olimpia di atletica leggera, seguiti dai Prof. Lanfranco Catalucci e Riccardo Giovannella. Una novità assoluta per Orvieto, che l’anno successivo dà vita alla nuova Società Sportiva affiliata all’Ente di Promozione Sportiva Libertas,che nel 2015 festeggia 70 anni,  da cui prese appunto il nome Libertas Orvieto
Dal lontano 1965 la Libertas nella sua attività ha sempre mirato alla formazione dei più piccoli per poi crescere negli anni, arrivando ad avere un ruolo di assoluto rilievo nello sport orvietano e in quello regionale e nazionale.
libertas_storia1L’attività della Società negli anni, ha spaziato in varie discipline sportive, non solo in quello dell’atletica leggera, ma anche nella pallavolo avvicinando molti studenti a questa pratica sportiva, sempre utilizzando la storica palestra di San Giovenale.
Con la chiusura della Palestra di San Giovenale l’attività sportiva fu spostata presso la palestra della Scuola Media L.Signorelli e presso La Scuola Militare di Educazione Fisica.
Nel 1982 i soci della Libertas: Filippo Murolo, Ennio Colombini Carlo Moscatelli e Sergio Viola  trasformano la chiesa sconsacrata di San Antonio in una efficiente palestra dove verranno organizzati corsi di ginnastica per i bambini più piccoli, corsi per adulti e novità assoluta per Orvieto, corsi di pattinaggio su rotelle.Il legame con la Smef si è ancora più saldato quando, con un accordo con l’Ente Militare, fu creata la nuova società per l’attività agonistica, Centro Sportivo Esercito Sezione Giovanile.
Molte sono le soddisfazioni avute da questo accordo sia per l’allora comandante Col. Franco Blasi e dal Col. Oreste Fella, visto che proprio sotto questo nome, vi furono le grandi affermazione di Stefano Mogetti, Angelo Ranchino, Fabrizio Gulino, Valeria Scattoni, Angela Amaddeo, Elisa Ciriciofolo e Antonella Pollegioni e moltissimi altri.
Con il compimento del 18 anno i ragazzi passavano, per il proseguo dell’attività, a società regionali come il Cus Perugia, Libertas Perugia e Aru Terni con cui era stato instaurato un ottimo rapporto di collaborazione.
libertas_storia2Il movimento è sempre rimasto sempre ricco e partecipato da tantissimi giovani passati per i centri e l’attività della Libertas. I numeri e il fermento creatosi intorno a questa disciplina negli anni, ha permesso alla società di organizzare  per gestire in proprio l’attività agonistica, che fino ad allora demandava ad altre realtà umbre. Da questo momento in poi si è avuta una crescita esponenziale portando la società orvietana tra le prime dell’Umbria, ma sopratutto a vestire un ruolo importante  anche in campo nazionale.
Partecipando al campionato assoluto di società in pochi anni con i ragazzi provenienti
dai propri centri e con l’aiuto di alcune società umbre, la Libertas ottiene alla finale A2 a Saronno, un secondo posto, grandissimo risultato che permette alla società di partecipare l’anno seguente alla finale A1 tra le prime 24/36 società italiane.
La svolta più importante, in senso assoluto, è giunta quando l’amministrazione comunale sensibile al grande movimento creato con l’atletica leggera, ha deciso di rinnovare l’ormai usurata pista dello stadio “L.Muzi”, dotando l’impianto di un manto sintetico, che si dimostrerà molto performante , facendo ottenere delle performance di assoluto valore , permettendo quindi di organizzare importanti appuntamenti nazionali di atletica leggera e un turismo sportivo senza precedenti di cui ha beneficiato l’intera città.
Cresce l’attività ma anche la struttura societaria , molti simpatizzanti e genitori si avvicinano alla società dando vita ad una struttura a tutto tondo, con tecnici preparati, dirigenti, operatori Sigma(per la segreteria tecnica delle manifestazioni) e sopratutto un nutritissimo gruppo di giudici gare, che permetteranno alla Libertas di avere una certa autonomia organizzativa, che gli garantirà  di organizzare gare di valenza nazionale, finali giovanili, assolute e campionati.
libertas1La società vuole sempre crescere, e questa è una cosa che anche a piccoli passi riesce sempre a fare. Da una idea di Alessandro Bracciali si organizza in collaborazione con l’associazione Luca Coscioni il 1° Memorial per ricordare una delle figure più importanti della città il compianto Luca, che oltre ad essere un atleta, amante dell’atletica ha saputo attrarre l’attenzione mondiale sulla malattia che lo avrebbe poi portato alla morte, ricordiamo che l’associazione è stata sottoscritta da ben 50 premi Nobel.
Il Memorial Luca Coscioni nei suoi 5 anni ha portato al Muzi atleti di valore Mondiale come Hezecliel Kemboi, pluricampione mondiale ed olimpico ed ottenere il record nazionale con Veronica Borsi nei 100hs, molti sono stati i risultati di valore ottenuti, che hanno permesso alla manifestazione, di arrivare in questa ultima edizione, la 5a, Settimi nel ranking nazionale per i meeting italiani, classifica redatta a livello da nazionale sulla base di partecipazione, risultati e organizzazione tecnica.
Della Libertas ultimamente si sente sempre parlar bene e non lo diciamo noi. Anche a  livello Fidal Nazionale sono ormai riconosciute e assodate  le sue grandi capacità organizzative precise e puntuali, confermate dalla continua fiducia : anche per il prossimo 2016 vedrà Orvieto organizzare la finale A Argento dove a scendere sulle piste del nostro Muzi saranno le prime 12/24  squadre assolute  maschili e femminili.
Negli ultimi anni la Libertas ha intrapreso un’attività agonistica per atleti master, dai 35 anni in su, gruppo forte di oltre 60 unità che spazia dalle attività su strada che su pista ottenendo anche in questo settore importanti risultati.
Insomma, forse saranno state troppe le righe lette ma di strada la Libertas Orvieto ne ha fatta tanta e di gente sotto questa bandiera, ci è passata parecchia.
libertas2 libertas3 libertas4
RISULTATI LIBERTAS
Sono tutt’ora 45 i primati regionali in possesso dei atleti orvietani.
Numerosi i campioni italiani:
Stefano Mogetti negli 800 e maglia azzurra.
Dennj Galanello nella marcia e anche lui nazionale.
Andrea Mortini nel lancio del peso.
Romolo Pelliccia nella marcia cat. Master.
Valeria Pedetti anch’essa nella marcia cat. Master.
Numerosissimi i piazzamenti di prestigio che hanno inorgoglito la società  il primo posto di Elena Tanara nelle graduatorie nazionali cat. Esordienti nella velocità salto in lungo e nel Triathon, il secondo posto ottenuto ai campionati italiani allieve da Eugenia Petrangeli nel salto in alto dietro una certa Trost.
Ultimo quello ottenuto in questo fine stagioni dalla staffetta 4×100 categoria ragazzi che con Federico Mogetti, Emanuele Gattamorta, Francesco Rossi e Lorenzo Saleppico li vede al primo posto nelle classifiche nazionali.
I risultati di squadra ottenuti nei vari CdS.maschili hanno portato la nostra squadra al Secondo posto nella finale A2 di Saronno, 3° posto alla Finale A2 di Comacchio, 3° posto a Macerata con gli allievi e in questo ultimo anno 2° posto alle finali interregionali, organizzate ad Orvieto, che permetteranno alla società , ottenendo un certo punteggio, di partecipare alle finali A Argento in programma proprio sulle nostre piste.
Va anche ricordato che con le fattive collaborazioni con alcune società umbre come la Winner Foligno al maschile e con l’Arcs Cus Perugia in campo femminile con l’apporto delle atlete orvietane partecipa già da due anni alla Finale A Argento dl campionato di Società.